STORIA DEL CHIANTI

Storia del chianti sull’origini

La storia del chianti secondo una teoria diffusa sull’origine del nome Chianti, è possibile che il suo nome derivi dalla parola clanis , l’antico nome di un torrente che sgorgava vicino a Montegrossi, l’attuale Massellone, o di Clante, nome di un importante famiglia etrusca che visse in questi luoghi, o potrebbe derivare dal termine “clango”, il grido di un uccello: il nome alluderebbe quindi alla campagna selvaggia e incolta della regione, più adatta alla caccia che all’agricoltura.

storia del chiantiNel XIII °  secolo il territorio era limitato alle città del Chianti di Gaiole in Chianti, Radda in Chianti e Castellina in Chianti che formavano la famosa Lega del Chianti. Fu Cosimo III de Medici, Granduca di Toscana nel 1716 a emanare un editto che riconosceva ufficialmente i confini del distretto del Chianti, come è attualmente noto.

Reperti archeologici rinvenuti nella regione del Chianti e ancora visibili in tutta la regione, suggeriscono che abbia origini etrusche .

Durante il periodo comunale e medievale, le lotte tra Siena e Firenze si svolsero nel Chianti, che terminò solo nel 1555 con la conquista di Montalcino da Firenze e la sconfitta finale di Siena.

Da quel momento in poi, il sistema di allevamento agricolo ha iniziato a farsi valere sempre di più, modificando così il paesaggio rurale. Grandi fattorie crescono a fianco dei castelli che gradualmente vengono abbandonati e la terra è resa arabile grazie ai lavori di sterro e all’agricoltura mista.

Dopo la seconda guerra mondiale, gli abitanti del Chianti si impegnarono ad adeguare il territorio a nuovi bisogni. Come risultato di questa riconversione, il Chianti di oggi ha iniziato a distinguersi come destinazione turistica di eccellenza . Molti francesi, inglesi, svizzeri, olandesi e tedeschi hanno scelto e continuano a scegliere il Chianti come meta di vacanze preferita, attratti dalla bellezza dei suoi paesaggi, dal suo clima mite, dalle sue deliziose specialità gastronomiche e, naturalmente, dal suo eccellente vino!

Nonostante il suo famoso successo, il Chianti è riuscito a mantenere e garantire ai suoi turisti, l’accoglienza e l’ospitalità di un tempo.

No Responses

Reply